Il tempo esatto di permanenza del CBD nel corpo dipende da una serie di fattori, tra cui:

  • La dose assunta. Più cannabis o droga contenente CBD hai assunto, più a lungo le tracce di CBD saranno rilevate nel tuo biomateriale.
  • Caratteristiche del metabolismo. Mentre un organismo rimuove il CBD quasi istantaneamente, un altro può ritardarlo per molto tempo.
  • Esperienza d’uso. Il CBD, come altri cannabinoidi, che fanno parte della marijuana, ha la proprietà di accumularsi nelle cellule del corpo. Più a lungo si usa il cannabidiolo, più a lungo rimane
    nel corpo.
  • La quantità di tessuto adiposo. Il CBD è una sostanza liposolubile, quindi tende a stabilirsi nelle cellule di grasso. Più una persona è grassa, più a lungo il cannabidiolo rimane nel corpo.

Se parliamo della media, allora il CBD viene completamente eliminato dal corpo in 30 giorni. Se la ricezione di cannabidiolo è un evento raro o una tantum, allora la sostanza sarà escreta
dal corpo in tre giorni. Se una persona usa il CBD sistematicamente, allora ci possono essere resti della sostanza nel corpo anche dopo 90 giorni. Allo stesso tempo, bisogna tener presente che
è quasi impossibile rilevare il CBD con i test standard di resistenza poiché sono affilati per rilevare il componente psicoattivo della cannabis THC.

This post is also available in: English (Inglese) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo)